FMT per cani e gatti enteropatici

 
 

Le enteropatie croniche sono caratterizzate da uno squilibrio della flora intestinale. Si parla di  DISBIOSI  del microbioma. 

Quando ciò avviene le funzioni che i microbi svolgono sono alterate e contribuiscono alla malattia.
I sintomi possono essere diarrea, vomito costanti o ricorrenti, inappetenza, perdita di peso e di vivacità, prurito.

Il TRAPIANTO di MICROBIOMA FECALE (FMT) può ripristinare l'equilibrio. Si tratta di trasferire i microbi di un animale sano in uno malato, nel tentativo di riportare l'equilibrio e con esso ridurre o eliminare i sintomi.

Il Progetto Pet FMT consente a un cane o gatto con enteropatia cronica di accedere al trapianto di microbioma fecale.

Nell'80% dei casi l'FMT si riscontrano miglioramenti.


Come funziona il trapianto fecale

Il processo è molto semplice:

  1. Viene selezionato un donatore sano

  2. Si prelevano le feci espulse

  3. Si trattano le feci e si trasformano in capsule liofilizzate

  4. Si somministrano all'animale disbiotico per via orale

Il donatore viene sottoposto a stringenti analisi sia in fase di valutazione dell'idoneità, che periodicamente.

Capsule per trapianto fecale


Come accedere al trapianto fecale

Chiedi

al tuo veterinario

Firma

il consenso informato

Acquista

il Kit Pet FMT dal veterinario

Prelievo

fai il prelievo Pre FMT

FMT

somministra le capsule

Prelievo

fai il prelievo Post FMT

  • Chiedi al tuo veterinario informazioni sul trapianto di microbioma e sul progetto Pet FMT.
  • Firma il consenso informato che il veterinario ti presenta.
  • Fornisci al veterinario i dati richiesti dal progetto.
  • Acquista il Kit Pet FMT dal tuo veterinario.
  • Una volta ricevuto il Kit Pet FMT, leggi le istruzioni al suo interno, è spiegato tutto nel dettaglio.
  • Nel pacco verifica che siano presenti le capsule e due contenitori per il Test del microbioma.
  • Fai il primo prelievo di feci appena prima prima di iniziare l'FMT.
  • Sospendi eventuali probiotici almeno 4 giorni prima di fare il prelievo fecale e per tutto il periodo fino al prelievo successivo.
  • Somministra le capsule secondo le indicazioni del veterinario.
  • Fai la visita di controllo.
  • Fai il secondo prelievo di feci 15 gg dopo il termine della somministrazione.
  • Segnala subito al veterinario eventuali sintomi anomali.

Storie di FMT

Bruno

Bruno è un cane meticcio che a 6 anni si è ammalato di enteropatia cronica. Dopo aver tentato varie strade, i proprietari hanno deciso di tentare con il trapianto di microbioma. Si è passati da una situazione in cui Bruno aveva crisi di diarrea con sangue e vomito ogni 3-4 settimane a oggi in cui tutti i sintomi dell'enteropatia sono spariti.
Uno dei proprietari di Bruno ha poi fondato EuBiome, per permettere anche ad altri di avere facile accesso a questa opportunità.
Il grafico mostra com'è cambiato il microbioma di Bruno nell'arco a seguito di due trapianti. Gli indici migliorano e si avvicinano prima ai sani (linea verde) e poi al donatore del microbioma (linea gialla).
L'immagine tratta dall'articolo scientifico pubblicato su Animals aprile 2021.

Brian

Brian è un dobermann nato nel 2018, con diarrea cronica emorragica ricorrente ogni 15-30 giorni dal 2021 e grave perdita di peso.  Grazie all'amore della sua proprietaria, alle cure del suo veterinario e al trapianto fecale Brian è passato da 28 kg a 36 kg nell'arco di pochi mesi, riprendendo vitalità e restituendo serenità a tutti coloro che gli vogliono bene.

Brian era pelle e ossa. Con il trapianto fecale è rinato!! 

 Florencia Rastelli
 
 

FAQ

  • Chi può accedere al trapianto?
    Cani e gatti con sintomi di enteropatia da almeno 3 settimane.
  • Ci sono esclusioni?
    Enteropatie dovute a parassitosi, neoplasie, endocrinopatie, disfagia.
  • Cosa contiene il kit FMT?
    30 capsule di microbioma liofilizzato, proveniente da animale sano e 2 kit di prelievo per l'analisi del microbioma.
  • Come si somministrano le capsule?
    Come da indicazioni del veterinario, ma in genere una capsula al giorno per via orale, meglio se lontano dai pasti, con un bocconcino se necessario, per la durata del trattamento.
  • Come si conservano le capsule?
    A temperatura ambiente protette da luce e umidità.
  • Ci possono essere effetti collaterali?
    Raramente diarrea, vomito, flatulenza, dolori addominali, che dovrebbero risolversi nel giro di 24--48 ore; nel caso sospendere per 3-4 giorni e segnalare al veterinario.
  • Come posso avere il kit per il trapianto?
    Il kit può essere fornito solo tramite il veterinario, e solo partecipando al Progetto Pet FMT. Chiedi al tuo veterinario di riferimento.
  • Perché devo aderire al Progetto Pet FMT?
    Perché in Europa il trapianto di microbioma in cani e gatti non è ancora regolamentato e viene eseguito solo come procedura sperimentale. Il progetto è un modo per accedere al trapianto di microbioma subito, come avviene per l'uomo nei casi dei trial clinici e per supportare lo sviluppo di conoscenza che consentirà di arrivare alla regolamentazione. Il Progetto Pet FMT è un progetto di ricerca per cani e gatti approvato dall'OPBA dell'Università di Padova.
  • Cosa posso fare nel frattempo in autonomia?
    Puoi fare il DisbiosiQuest, questionario che valuta la probabilità che il tuo animali abbia una disbiosi, oppure fare il Test del microbioma e avere la fotografica dei tuoi batteri intestinali e valutare la disbiosi dalla composizione reale. 
  • Posso verificare la presenza di disbiosi prima di decidere se fare il trapianto?
    Puoi fare il DisbiosiQuest, questionario che valuta la probabilità che il tuo animali abbia una disbiosi, oppure fare il Test del microbioma.
  • A cosa serve il Test del Microbioma del Kit Pet FMT?
    Il test ha molteplici utilizzi: nel caso del Progetto Pet FMT, essendo fatto prima e dopo l'FMT, consente di valutare gli effetti del trapianto e il livello di disbiosi.
  • A cosa serve il Test del Microbioma singolo?
    Il Test del microbioma viene utilizzato per identificare e caratterizzare una disbiosi prima di decidere se fare il trapianto oppure per  il monitoraggio successivo al trapianto.
  • Perché monitorare il microbioma dopo il trapianto?
    Il monitoraggio successivo al trapianto con il Test del microbioma, consente di  valutare a distanza di mesi se il microbioma sta seguendo un percorso di miglioramento o se sta peggiorando, come nell'immagine sopra. Le cause dell'enteropatia cronica spesso restano sconosciute e potrebbero continuare ad agire anche dopo un primo miglioramento. Essere attenti ai sintomi, fare il DisbiosiQuest, monitorare periodicamente il microbioma con il Test del microbioma ed eventualmente ripetere l'FMT, sono approcci utili per evitare di ritornare alla situazione iniziale.

Iscriviti alla newsletter